Vacanze in Italia per gli emigrati: cosa fare per ottenere l’assistenza sanitaria

Primo-Ministro-Québec-on.-Philippe-Couillard
NISSOLI (PI) Riceve il PM del Québec a Montecitorio
luglio 8, 2015
Esistenza in vita: dall'INPS istruzioni per i “RITARDATARI”
luglio 16, 2015
Show all

Vacanze in Italia per gli emigrati: cosa fare per ottenere l’assistenza sanitaria

assistenza sanitaria all'estero

Per ottenere l’assistenza sanitaria temporanea (max 90 giorni) per gli emigrati in Paesi extra UE che rientrano in vacanza in Italia, il cittadino italiano iscritto all’AIRE dovrà recarsi presso il Consolato italiano nel Paese estero di residenza e, nella prospettiva di recarsi in Italia, dovrà farsi rilasciare un’autorizzazione/certificato che attesta lo stato di emigrato e che porterà presso un qualsiasi distretto sanitario di base (generalmente presso l’ufficio estero), nella città in cui si trova in Italia, dove compilerà un modulo  in cui si dichiara che il cittadino italiano residente all’estero potrà avere accesso alle prestazioni urgenti ospedaliere e di guardia medica e turistica a carico del S.S.N. italiano.

 In allegato una bozza di modulo, che cambia da Asl ad Asl, in cui si attesta il diritto del cittadino italiano residente all’estero di usufruire delle cure sanitarie sul territorio di competenza della Asl.

[document url=”http://fucsiafitzgeraldnissoli.com/wp-content/uploads/2015/07/assistenza-sanitaria-italiani-allestero.pdf” responsive=”no”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − sei =