Nissoli(PI). Sì ad EUNAVFOR MED per allargare l’orizzonte dei diritti

(Roma, 30 luglio 2015) – Oggi, l’on. Nissoli è intervenuta, nell’Aula di Montecitorio, per dichiarazioni di voto  sulla “Conversione in legge del decreto-legge 8 luglio 2015, n. 99, recante disposizioni urgenti per la partecipazione di personale militare all’operazione militare dell’Unione europea nel Mediterraneo centromeridionale denominata EUNAVFOR MED”, già  approvato dal Senato.

L’on. FitzGerald Nissoli (eletta nella Circoscrizione estero, Ripartizione Nord e Centro America) ha rilevato sin dall’inizio del suo intervento che “la necessità e l’urgenza di convertire il Decreto Legge 8 luglio 2015 recante disposizioni per la partecipazione di personale militare all’operazione dell’Unione europea nel Mediterraneo centromeridionale sono evidenti a tutti! EUNAVFOR MED è una missione di fondamentale importanza per la lotta contro il traffico e la tratta di esseri umani nel Mediterraneo centromeridionale”. “L’operazione navale militare – ha precisato – vede l’Italia allo stesso tempo come destinataria e beneficiaria delle misure adottate dall’Unione europea ….. e come protagonista e regista della missione stessa. Finalmente l’Unione e gli Stati membri nel quadro più ampio dello scenario internazionale individuano nella tratta di esseri umani il problema più serio e senz’altro complesso da risolvere, alla luce della violazione di norme cogenti del diritto internazionale, che va ben oltre la gestione sia pure difficile dei flussi migratori nell’Unione europea e la politica di asilo, condotte mediante operazioni di pattugliamento e di soccorso in mare”.

In seguito, l’on. Nissoli ha illustrato le tre fasi della missione ed ha sottolineato che “la missione … dovrà coordinarsi con altre iniziative in corso (tra le quali si ricordano TRITON e POSEIDON) e con le competenti autorità europee e dei singoli Stati membri”.

Infine, dopo essersi soffermata sugli aspetti tecnici relativi ad EUNAVFOR MED e sottolineata che il comando operativo è affidato all’Italia, ha annunciato il voto favorevole del suo Gruppo parlamentare, convinta “dell’importanza indiscussa della missione e della necessità di fornire piena operatività di mezzi, strutture e personale all’operazione euro-internazionale” e precisando che non si tratta di alzare muri ma di allargare l’orizzonte dei diritti ed è con questo spirito che annuncio il voto favorevole del mio Gruppo parlamentare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *