NISSOLI (FI): BENE LA COLLABORAZIONE TRA FONDAZIONI ITS ITALIANE CON QUELLE CANADESI

LA CITTADINANZA ITALIANA IURE SANGUINIS NON SCADE MAI! – DI FUCSIA NISSOLI
Luglio 8, 2019
TEMPI BUROCRATICI? ACCORCIAMOLI! – DI FUCSIA NISSOLI
Luglio 9, 2019
Show all

NISSOLI (FI): BENE LA COLLABORAZIONE TRA FONDAZIONI ITS ITALIANE CON QUELLE CANADESI

NISSOLI (FI): BENE LA COLLABORAZIONE TRA FONDAZIONI ITS ITALIANE CON QUELLE CANADESI

NISSOLI (FI): BENE LA COLLABORAZIONE TRA FONDAZIONI ITS ITALIANE CON QUELLE CANADESI

ROMA\ aise\ – “Oggi sono intervenuta, nella Sala Stampa di Montecitorio, alla conferenza intitolata: “Il sistema ITS, potenzialità per lo sviluppo, la competitività e l’occupabilità”. In tale contesto si è fatto riferimento all’esperienza in materia maturata dal Canada tanto da diventare un punto di riferimento solido anche per lo sviluppo delle strutture italiane”. Così Fucsia Nissoli, deputata di Forza Italia eletta in Centro e Nord America che, spiega, nel suo intervento introduttivo ha ricordato “il risultato raggiunto dalla Fondazione ITS di Roma a due anni dal nostro incontro con Denise Amiott, Presidente della “World Federation of Colleges and Polytechnics”, e cioè la collaborazione tra la Fondazione ITS per le Nuove tecnologie di Roma ed il più grande college canadese, il “Seneca college”, con scambi di studenti, di ricerca applicata e start up nel quadro dell’accordo Unione europea – Canada”.
“Purtroppo – ha aggiunto Nissoli – manca una legge quadro in materia ed io ho auspicato l’avvio di una discussione politico istituzionale che diventi la base di un progetto di sviluppo fondato sulla visione del Canada come riferimento. Le realtà canadesi non son giovani come gli ITS, ma gli ITS possono averlo come riferimento e cercare di lavorare con l’aiuto delle Istituzioni affinché si possano raggiungere anche qui i risultati raggiunti oltreoceano e per fare questo occorrono più risorse nella consapevolezza che l’investimento in formazione innovativa è un investimento per il futuro”.
La parlamentare si è infine detta “convinta che le Fondazioni ITS faranno molta strada in Italia e all’estero ed in questo potranno chiedere anche il contributo degli italiani che vivono in Canada ed in altre parti del mondo”. (aise) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *