Nissoli (FI) alla Cin Radio di Toronto: Riformare i Comites per rafforzarli

Nissoli (FI): Carte di identità/abbiamo tecnologia innovativa, applichiamola sia nei Comuni che nei Consolati
aprile 20, 2018
Nissoli (FI): Interni ed Esteri provvedano ad allineare i dati AIRE e ANPR
maggio 8, 2018
Show all

Nissoli (FI) alla Cin Radio di Toronto: Riformare i Comites per rafforzarli

 

Nissoli (FI) alla Cin Radio di Toronto: Riformare i Comites per rafforzarli

(3 maggio 2018) – Questa mattina, durante una intervista alla Cin Radio di Toronto, l’on. Nissoli(FI) ha parlato dell’importanza dei Comites e del CGIE per le Comunità italiane all’estero. In particolare, l’on. Nissoli ha affermato che i Comites sono “la base della rappresentanza italiana all’estero … sono la rappresentanza locale degli italiani all’estero e lavorano a livello di Circoscrizione Consolare, come una specie di Consiglio comunale, a volte  molto produttivo,  a volte meno, come tutti i Consigli comunali italiani, ma sono alla base della democrazia, dell’organizzazione di una società, come ci insegna la storia”.

“Dalla mia esperienza personale – ha precisato l’on. Nissoli – posso dire che le iniziative dei Comites, alle quali ho partecipato anche prima di essere deputata, sono sempre state apprezzabili e utili alla Comunità. Purtroppo, con il passare degli anni i fondi a loro disposizione sono sempre diminuiti e quindi bisognerebbe pensare ad aumentarli in modo da valorizzarli nel loro operato”.

“Pertanto – ha continuato l’on. Nissoli – credo che la riflessione da fare sia su come lavorare insieme noi tutti eletti all’estero per far funzionare meglio i Comites ed il CGIE, in raccordo con l’autorità consolare evitando conflitti che a volte paralizzano l’attività in favore delle nostre comunità all’estero”.

Per la deputata eletta in Nord e Centro America “non è distruggendo quanto costruito in tanti anni che si risolvono i problemi ma presentando delle soluzioni adeguate per riformare la rappresentanza degli italiani all’estero a livello locale. Penso che insieme possiamo fare un buon lavoro a partire dall’ascolto delle esigenze sul territorio. Questo è uno dei compiti che ci aspetta e non ci possiamo sottrarre anche per rispetto ai nostri connazionali che si aspettano istituzioni funzionali al loro servizio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *