COLUMBUS DAY: IL TESTO DELLA MOZIONE NISSOLI-BRUNETTA (FI)

NISSOLI (FI): SOLIDARIETÀ ALLE PERSONE COLPITE DALLA FURIA DELL’URAGANO IRMA IN FLORIDA
settembre 12, 2017
NISSOLI (FI) IN VISITA AL CONSOLATO ONORARIO DI CLIFTON IN NEW JERSEY
settembre 18, 2017
Show all

COLUMBUS DAY: IL TESTO DELLA MOZIONE NISSOLI-BRUNETTA (FI)

COLUMBUS DAY: IL TESTO DELLA MOZIONE NISSOLI-BRUNETTA (FI)

ROMA\ aise\ – Come annunciato nei giorni scorsiFucsia Nissoli, deputata di Forza Italia eletta in Nord America, ha presentato una mozione insieme al capogruppo del partito alla Camera Renato Brunetta, per chiedere al Governo italiano di intervenire contro l’eliminazione del Columbus Day in atto in diversi Stati Usa. Nella mozione, sottoscritta da più di 30 colleghi, Nissoli chiede all’esecutivo di “attivarsi, sul piano politico e diplomatico, affinché sia salvaguardata l’eredità culturale italiana negli Usa e la figura simbolo di tale eredità incarnata da Cristoforo Colombo”.
Il testo della mozione.
“I recenti episodi di intolleranza verso alcuni simboli della storia americana hanno colpito anche la statua di Cristoforo Colombo, icona per gli italiani d’America che celebrano, nel mese di ottobre, il famoso Columbus Day, dichiarato giorno di Festa nazionale, nel 1937, dal Presidente Franklin Delano Roosevelt;
il conflitto interno agli Usa sul tema della memoria ha toccato anche la figura di Cristoforo Colombo. Infatti, vi sono stati episodi di intolleranza in varie città americane come a Baltimora, dove una statua di Colombo eretta nel 1792 è stata distrutta a martellate, a Detroit, dove il monumento a Colombo è stato avvolto da un drappo nero, a Houston, dove una statua donata alla città dalla Comunità italoamericana nel cinquecentenario della scoperta delle Americhe, è stata imbrattata di vernice color sangue. Infine, a Los Angeles, il 30 agosto scorso il Consiglio comunale ha votato a grande maggioranza la cancellazione del Columbus Day. Prossimamente sarà il Comune di New York a doversi esprimere se l’imponente statua di Cristoforo Colombo può rimanere al suo posto, nei pressi del Central Park;
è evidente che la cancellazione del Columbus Day dal calendario delle Feste e gli attacchi alle statue di Colombo rappresentano un affronto alla comunità italiana che vive negli Usa e che ne è rimasta ferita;
Colombo fa parte della storia americana ed oggi rappresenta l’eredità culturale degli italiani d’America, che nel Columbus Day vedono la celebrazione dell’orgoglio e del successo italiano in America;
l’appello, rivolto al presidente Trump dalla comunità italiana negli USA, dove si legge: “Noi italiani d’America ci appelliamo al Presidente Trump affinché mantenga viva l’eredità culturale di Cristoforo Colombo, parte fondamentale del patrimonio culturale degli Stati Uniti. Senza Colombo non ci sarebbe l’America com’è oggi e forse neanche quella grande civiltà in cui ciascuno può ritrovarsi” merita sostegno da parte delle istituzioni italiane;
Colombo è simbolo di relazione tra l’Italia e gli Usa e una rimozione di questa figura dalla memoria storica del popolo americano certamente non va incontro ai propositi di buona collaborazione e ai sentimenti di forte amicizia che i due Paesi nutrono reciprocamente;
è importante dare spazio ad ogni contributo etnico alla costruzione della democrazia americana per cui si chiede che sia istituito un giorno celebrativo per le popolazioni indigene che non sostituisca il Columbus Day come si sta prospettando da più parti e come è già avvenuto a Los Angeles ed in città più piccole, come ad Oberlin, in Ohio,
impegna il Governo:
ad attivarsi, sul piano politico e diplomatico, affinché sia salvaguardata l’eredità culturale italiana negli Usa e la figura simbolo di tale eredità incarnata da Cristoforo Colombo”. (aise) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciannove − tre =