Anche Ban Ki-Moon ha elogiato gli italiani all’estero. Ne prenda atto anche la politica italiana

Attentato ad Ankara un nuovo 11 settembre. L’Italia lavori per la pacificazione
ottobre 17, 2015
cittadinanza
Accolto Odg per la cittadinanza agli italiani all'estero che l’hanno perduta
ottobre 24, 2015
Show all

Anche Ban Ki-Moon ha elogiato gli italiani all’estero. Ne prenda atto anche la politica italiana

ban ki moon

“Oggi, in un’aula di Montecitorio che si è alzata in piedi quando ha sentito citare “ il grande statista De Gasperi” dal Segretario  Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon, l’Italia ha ritrovato la sua unità nell’ascolto dell’Inno nazionale, suonato all’inizio della celebrazione del sessantesimo anniversario dell’ingresso del nostro Paese nel consesso dell’ONU. La cerimonia si è svolta alla presenza del Capo dello Stato, Mattarella, ed ha avuto il suo culmine con il discorso dello stesso Ban Ki-Moon, preceduto dai Presidenti dei due rami del Parlamento e dal Presidente del Consiglio”. Lo ha dichiarato l’on. Fucsia FitzGerald Nissoli (eletta in Nord E Centro America – Circoscrizione estero) dopo l’intervento del Segretario Generale ONU a Montecitorio.

“Le parole vibranti di Ban Ki-Moon – ha detto l’on. Nissoli – che ha fotografato l’impegno costante dell’Italia per la pace ed elogiato gli sforzi fatti per aiutare i più deboli nella recente crisi umanitaria nel Mediterraneo, hanno toccato il mio cuore soprattutto quando il Segretario Generale dell’ONU ha citato gli italiani emigrati ed i loro discendenti che hanno assunto ruoli importanti nelle terre di accoglienza dando un contributo rilevante allo sviluppo. Se questo è chiaro anche a chi è alla guida delle Nazioni Unite – ha concluso l’on. Nissoli – a maggior ragione dovrebbe essere evidente alla politica italiana che dovrebbe, di conseguenza, avere maggiore attenzione verso gli italiani all’estero, quale risorsa preziosa per il nostro Sistema-Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *